NP-bioTech e FOS

Antifemo allarga lo spettro applicativo della tecnologia multibrevettata NP-bioTech. E presenta al mercato una soluzione economica ed efficace per la stabilizzazione della frazione organica degli RSU. 

Dopo un programma di PoC (Proof of Concept), in ambiente industriale, che ne dimostra la straordinaria efficacia ed economicità, Antifemo rilascia l’applicazione commerciale della biotecnologia di compostaggio rapido avanzato (REC) alla componente organica degli RSU (rifiuti solidi urbani).

Frazione organica tal quale
Frazione organica tal quale
Frazione Organica Stabilizzata (FOS)
Frazione Organica Stabilizzata (FOS)

Sono sufficienti 10 giorni per ottenere una FOS ben stabilizzata con IRDP < 1.000 mg02/kgSV/h. E poiché la FOS è destinata all’incenerimento o alla discarica, la riduzione del 54% in peso composrta notevoli risparmi per i gestori di RSU. Secondo il chimico industriale Fabrizio NARDO, inventore e sviluppatore della NP-bioTech, in futuro potremo ridurre il prodotto FOS oltre il 75% in peso. Inoltre, continua Nardo, grazie all’assenza di ventilazione ed alla straordinaria efficacia e rapidità del processo si può raggiungere un rispamio energetico di oltre 95%, rispetto ai processi di biostabilizzazione tradizionali. 

Il biocatalizzatore NP-bioTech impedisce la formazione di odori, sin dalla miscelazione con il rifiuto organico urbano. in pochi giorni l’agente cinetico porta la miscela aerobica ben oltre i 70°C, senza alcun apporto di energia esterna e senza alcuna ventilazione. L’OPEX (costi operativi) estremamente basso si spiega con il recupero e ricircolo del biocatalizzatore.

 Dal grafico dell’andamento dell’indice respirometrico (IRDP) emerge la straordinaria efficacia dell’agente cinetico biotecnologico utilizzato. Chiaramente in fase di ottimizzazione della ricetta di produzione ci sono margini per ulteriori miglioramenti delle performance.

Profilo dell’IRDP

Il processo risulta notevolmente efficace anche in impianti esistenti che operano sia in biocelle con processi continui che in cumuli statici. I risparmi in termini di OPEX cambiano ancora una volta le regole del gioco dei processi di compostaggio.

Dai un occhiata anche agli ultimi articoli scritti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *